Pochi progressi alla COP 23 appena conclusa a Bonn, tutto rinviato all'anno prossimo

A Bonn, sotto la presidenza delle Isole Fiji, cala il sipario su una COP 23 che non ha regalato grandi sorprese. Nel 2018, il prossimo round in Polonia.
Conclusasi lo scorso venerdì a tarda sera, la COP 23 di Bonn può essere letta come un piccolo passo avanti verso l’implementazione dell’Accordo di Parigi, ma i veri progressi si vedranno soltanto l’anno prossimo, quando in Polonia si terrà un nuovo vertice.
Katowice, tra dodici mesi, sarà il banco di prova delle basi gettate in queste ultime due settimane in Germania. I delegati hanno concordato di avviare nel 2018 un processo di revisione dei piani nazionali di riduzione delle emissioni, con l’intento di aumentarne l’ambizione. Al momento, infatti, le promesse dei paesi sono ben lontane dall’obiettivo concordato a Parigi di limitare il riscaldamento globale a +2 °C rispetto ai livelli preindustriali entro fine secolo.
Per raggiungere i target, la COP 23 ha prodotto un regolamento che si concentra su alcuni aspetti, tra cui la proposta di mettere nero su bianco le modalità di segnalazione e monitoraggio delle emissioni entro il dicembre del prossimo anno. I paesi hanno inoltre concordato di creare piattaforme speciali per le questioni di genere e le popolazioni indigene, nel tentativo di aumentarne l’influenza sulle decisioni.

Le novità, in sostanza, finiscono qui. Rimane aperta la questione chiave del Green Climate Fund, il fondo per aiutare i paesi più poveri a combattere il riscaldamento globale: la sua istituzione rimane ancora indefinita.
Da registrare, tuttavia, il sorgere di una alleanza dei paesi in via di sviluppo, che in questa sessione dei negoziati climatici globali sono apparsi più uniti che in passato. Un’alleanza di 130 nazioni che hanno strappato concessioni ai paesi ricchi, a partire dal regolamento che dovrebbe portare ad un innalzamento degli obiettivi prima del 2020. Secondo alcuni osservatori, il gruppo delle quattro principali economie emergenti – Brasile, Sudafrica, India e Cina – ha lavorato congiuntamente per mettere alcuni paletti nel testo finale, riuscendo a demarcare più chiaramente il ruolo degli stati ricchi e di quelli più poveri. Questa coesione tra paesi poveri e paesi a medio reddito potrebbe essere un segnale, viste anche le intenzioni della Cina, che promette di investire forte nei prossimi decenni. L’occasione di business fiutata dal dragone potrebbe concretizzarsi a danno dell’Occidente, bloccato dalle bizze di Trump e dall'attendismo di Angela Merkel. La Germania, infatti, ha “saltato un giro” a questi negoziati, nel tentativo di evitare le critiche dei Verdi, con cui la cancelliera sta cercando un’alleanza di governo.

Ecoaction - Cultura & Progetto sostenibili utilizza cookies tecnici e di profilazione e consente l'uso di cookies a "terze parti" che permettono di inviarti informazioni inerenti le tue preferenze.
Continuando a navigare accetti l’utilizzo dei cookies, se non desideri riceverli ti invitiamo a non navigare questo sito ulteriormente.

Scopri l'informativa e come negare il consenso. Chiudi
Chiudi
x
Utilizzo dei COOKIES
Nessun dato personale degli utenti viene di proposito acquisito dal sito. Non viene fatto uso di cookies per la trasmissione di informazioni di carattere personale, né sono utilizzati cookies persistenti di alcun tipo, ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti. L'uso di cookies di sessione (che non vengono memorizzati in modo persistente sul computer dell'utente e scompaiono, lato client, con la chiusura del browser di navigazione) è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito, evitando il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti, e non consente l'acquisizione di dati personali identificativi dell'utente.
L'utilizzo di cookies permanenti è strettamente limitato all'acquisizione di dati statistici relativi all'accesso al sito e/o per mantenere le preferenze dell’utente (lingua, layout, etc.). L'eventuale disabilitazione dei cookies sulla postazione utente non influenza l'interazione con il sito.
Per saperne di più accedi alla pagina dedicata

Individuazione delle modalità semplificate per l'informativa e l'acquisizione del consenso per l'uso dei cookie.
Provvedimento n.229 dell'8 maggio 2014 - pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 del 3 giugno 2014.

Consulta il testo del provvedimento